REGOLAMENTO CONTRIBUTI ALL’IMPRENDITORIA GIOVANILE 2019-20

Durante il consiglio comunale del 16 settembre 2019 è stato discusso ed approvato il regolamento contributi all’imprenditoria giovanile per l’anno 2019 2020. Si tratta di un piano per sostenere l’avvio di attività imprenditoriali, artigianali, commerciali, professionali da parte di giovani (18-35 anni) residenti ad Altavilla Vic.na mediante l’erogazione di un contributo da parte del Comune.

#GiovaniAltavillesi #SpazioAiGiovani

REGOLAMENTO CONTRIBUTI ALL’IMPRENDITORIA GIOVANILE 2019-20

Articolo 1 “Finalità e oggetto”

Con il presente Regolamento l’Amministrazione Comunale intende sostenere l’avvio di attività di imprenditoriali artigianali/commerciali/professionali da parte di giovani residenti ad Altavilla Vicentina di età 18-35 anni.

Articolo 2 “Dotazione finanziaria”

Per il raggiungimento delle finalità di cui al presente Regolamento, le risorse messe a disposizione dalla Amministrazione Comunale ammontano a euro 5.000,00 annui

Articolo 3 “Localizzazione”

1. Gli interventi del presente Regolamento devono essere realizzati nel territorio del Comune di Altavilla Vicentina.
2. La localizzazione dell’intervento dovrà essere indicata in fase di presentazione della domanda. Nel caso in cui al momento della presentazione della domanda la sede operativa non fosse ancora definita, potrà essere indicata quella presunta.

Articolo 4 “Soggetti ammissibili”

Possono presentare domanda di sostegno le nuove imprese da costituire in possesso del seguente requisito che deve sussistere al momento di presentazione della domanda, a pena inammissibilità: avere la sede in Comune di Altavilla Vicentina (si intende un immobile in cui l’impresa conduce abitualmente la sua attività e in cui siano stabilmente collocati il personale e le attrezzature utilizzate per la realizzazione del progetto)

Articolo 5 “Interventi ammissibili”

La domanda di sostegno è riferita all’apertura dopo la pubblicazione del presente Regolamento di una nuova attività imprenditoriale di tipo artigianale \ commerciale \ professionale. Non sono ammissibili le domande presentate per le seguenti attività: armi, munizioni, materiale esplosivo, incluso fuochi d’artificio, attività di scommesse e gioco d’azzardo che comprendono anche solo parzialmente apparecchi automatici da gioco, attività di compro-oro e comunque tutte quelle attività non consone al pubblico decoro.

Articolo 6 “Spese ammissibili”

1. Sono ammissibili le seguenti tipologia di spesa direttamente imputabili all’attività e coerenti con l’attività dell’impresa, sostenute e pagate dal soggetto beneficiario, nel rispetto del principio della congruità della spesa:

– Materiali: acquisizione di macchinari, attrezzature, arredi strettamente funzionali all’attività d’impresa;
– Immateriali: acquisizione di brevetti, licenze e software specifici di stretta pertinenza con l’attività d’impresa;
– Promozionali: spese relative alla promozione dell’impresa quali ed esempio servizi, fiere, eventi, show room;

2. Le spese ammissibili si intendono sempre al netto di IVA.

Articolo 7 “Importo del sostegno”

Il contributo economico a favore della spesa rendicontata ammissibile per la realizzazione del progetto è concesso a fronte di una spesa di almeno € 5.0000,00 ed è stabilito nel 30% delle spese sostenute iva esclusa, fino ad un massimo di € 3.000,00.

Articolo 8 “Cumulo”

Le agevolazioni previste dal presente Regolamento non sono cumulabili con altre agevolazioni finanziarie rilasciate dal Comune di Altavilla Vicentina.

Articolo 9 “Termini e modalità di presentazione della domanda”

1. La domanda di sostegno deve essere compilata e presentata esclusivamente per PEC all’indirizzo : altavillavicentina.vi@cert.ip-veneto.net
2. La domanda potrà essere presentata a partire dall’esecutività della Deliberazione di approvazione del presente Regolamento fino al termine della validità fissata il 30/09/2020.
3. La domanda di sostegno deve essere compilata e firmata dal legale rappresentante titolato alla presentazione. Ogni impresa può presentare una sola domanda di sostegno.
4. Occorre presentare la seguente documentazione:
a) domanda di contributo redatta sull’apposito modello predisposto;
b) curriculum vitae aggiornato del legale rappresentante;
c) copia del documento di identità in corso di validità del proponente della domanda;
5. La domanda, comprensiva degli allegati, è resa nella forma di dichiarazione sostitutiva di certificazione/atto di notorietà ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000 ed è soggetta alla responsabilità anche penale di cui agli articoli 75 e 76 dello stesso in caso di dichiarazioni mendaci.

Articolo 10 “Valutazione delle domande”

Con determinazione del Responsabile di Area verrà valutata l’ammissibilità a contributo di ogni singola domanda, in ordine di arrivo al protocollo comunale, verificato che:
– la domanda sia stata trasmessa nelle forme e con le modalità prescritte dal Regolamento
– la domanda sia corredata della documentazione richiesta
– il soggetto proponente sia in possesso dei requisiti richiesti.

Articolo 11 “Concessione del sostegno”

Il sostegno verrà concesso ai richiedenti a seguito positiva valutazione di cui all’art. 10 seguendo l’ordine cronologico di arrivo, senza attendere il termine di conclusione del Regolamento e fino ad esaurimento dello stanziamento disponibile. Ai soggetti ammessi al sostegno il Comune notifica, a mezzo di posta elettronica certificata, l’esito positivo comunicando l’ammontare del sostegno, mentre ai soggetti non ammessi con lo stesso mezzo verrà comunicata la motivazione che comporta l’esito negativo.

Articolo 12 “Avvio e svolgimento delle attività, variazioni, proroghe e relativi obblighi” 

Il soggetto beneficiario deve immediatamente comunicare al Comune a mezzo PEC l’avvio dell’attività che dovrà avvenire entro 6 mesi dalla domanda di contributo ed ogni eventuale variazione relativa alla natura societaria ed alla realizzazione dell’attività e alle relative tempistiche.

Articolo 13 “Rendicontazione della spesa”

La rendicontazione deve essere accompagnata dalla scansione dei giustificativi di spesa e di pagamento direttamente imputabili all’attività e dovrà pervenire entro il termine ultimo del 30/09/2020.

Articolo 14 “Modalità di erogazione del sostegno

Il pagamento del sostegno è disposto dal Comune in un’unica soluzione dopo aver ricevuto la rendicontazione di cui all’art. 13

Articolo 15 “Verifiche e controlli del sostegno”

La Amministrazione Comunale si riserva, in ogni momento, la facoltà di effettuare specifici controlli e sopralluoghi presso i soggetti beneficiari anche al fine di verificare il rispetto di quanto previsto dal presente Regolamento e delle dichiarazioni rese in sede di domanda

I beneficiari dell’agevolazione sono tenuti a consentire e agevolare le attività di controllo da parte della Amministrazione Comunale e a mettere a disposizione tutte le necessarie informazioni e tutti i documenti giustificativi relativi alle spese ammesse. In caso contrario, nel termine di 10 (dieci) giorni dalla ricezione della comunicazione relativa alla notifica di sopralluogo, si procederà alla revoca d’ufficio del sostegno.

Articolo 16 “Obblighi a carico del beneficiario

Il soggetto beneficiario si impegna a:
a) assicurare la puntuale e completa realizzazione delle attività in conformità alla domanda di sostegno presentata, avviandola entro 6 mesi dalla data della domanda;
b) assicurare che gli interventi realizzati non siano difformi da quelli individuati nella domanda di sostegno;
c) acquisire regolare registrazione alla Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura e/o Partita Iva;
d) comunicare tempestivamente le eventuali variazioni;
e) accettare di essere incluso nell’elenco dei soggetti beneficiari, pubblicato sui portali istituzionali di questa Amministrazione Comunale;
f) rispettare i termini, le prescrizioni e le condizioni previste nel Regolamento e nei relativi provvedimenti di attuazione
g) rispettare le normative in materia di tutela ambientale, sicurezza e tutela della salute nei luoghi di lavoro, le normative per le pari opportunità tra uomo e donna nonché le disposizioni in materia di contrattazione collettiva nazionale del lavoro;
h) restituire eventuali somme oggetto di provvedimento di revoca

Articolo 17 “Rinuncia, revoca o decadenza del sostegno”

1. La rinuncia al sostegno concesso deve essere comunicata, da parte del richiedente al Comune a mezzo posta elettronica certificata
2. La revoca o la decadenza del sostegno è qualora siano accertati gravi irregolarità o inadempimenti per fatti comunque imputabili al soggetto beneficiario e non sanabili, e in ogni caso nelle seguenti ipotesi:

a) falsità nelle dichiarazioni rese;
b) mancata presentazione della rendicontazione entro il termine richiesto;
d) difformità sostanziali nelle attività realizzate rispetto al progetto ammesso a sostegno;
e) mancata destinazione dei contributi alla realizzazione del progetto ammesso a sostegno;
f) rendicontazione di titoli di spesa falsi ;
g) rifiuto opposto dal soggetto beneficiario di consentire l’accesso ai locali agli incaricati dei controlli;
h) intervenuta insussistenza dei requisiti di cui al presente Regolamento nonché chiusura o trasferimento dell’unità operativa fuori del territorio comunale;
i) alienazione, cessione o distrazione dei beni acquistati;
n) mancato rispetto dei termini, delle prescrizioni e delle condizioni previste nel Regolamento e nei relativi provvedimenti di attuazione;
o) mancato rispetto delle normative in materia di tutela ambientale, sicurezza e tutela della salute nei luoghi di lavoro, le normative per le pari opportunità e le disposizioni in materia di contrattazione collettiva nazionale del lavoro.

 

Il Direttore di Area

f.to Dott. Cecilia Fossà

 

Per informazioni:

Comune di Altavilla Vicentina
Ufficio Servizi Sociali
Piazza della Libertà n. 1
e-mail: sociale@comune.altavillavicentina.vi.it
telefono: 0444/220355

 

Per scaricare il Regolamento originale completo premi QUI

Condividi questo Articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Altri Articoli

Comunicazioni/News

Niente streaming. Il nuovo NO della maggioranza

Ebbene si… Per la quarta, o forse per la quinta volta, la proposta del video streaming delle sedute delle adunanze è stata bocciata dalla maggioranza