Una birra al giorno toglie il medico (di base) di torno – Consiglio Comunale del 29.11.2021

UNA BIRRA AL GIORNO TOGLIE IL MEDICO (DI BASE) DI TORNO

 

Titolo bizzarro quello che descrive l’ultimo Consiglio Comunale di Altavilla Vicentina..

…Ma mai quanto quello che è accaduto al durante il post-adunanza

 

Ma andiamo per ordine…

Il Consiglio Comunale del 29 Novembre 2021 è stato aperto con due interrogazioni, molto similari tra loro, inerenti la situazione dei medici di base/medicina di gruppo ad Altavilla Vicentina.

Un’interrogazione è stata presentata unitamente dai Consiglieri di opposizione (gruppi Vivi Altavilla e Amo Altavilla – leggila qui) e una è stata presentata dal capogruppo di maggioranza Claudio Catagini (leggila qui), in collegamento da remoto poiché impossibilitato, per motivi di salute, a presenziare all’adunanza.

In entrambe si è chiesto spiegazioni e chiarimenti al Sindaco in merito alla mancanza di medici di base della medicina di gruppo, e contestualmente, cosa l’amministrazione stesse facendo per sostenere i cittadini in questa situazione di difficoltà. Si è inoltre chiesto quali siano state le cause di questo deficit e se le problematiche potessero essere imputate all’amministrazione stessa.

Una volta presa la parola il Sindaco ha illustrato la situazione attuale, con excursus al passato, della medicina di gruppo di Altavilla e ha spiegato come la competenza della materia, con le annesse carenze e situazioni di disagio, siano riconducibili all’ente statale e regionale. 

Molti concittadini infatti, a seguito del pensionamento del Dott. Scolarin e della cessazione del servizio della Dott.ssa Agostini, si sono ritrovati privi di medico di base e costretti a fuoriuscire dal comune.

Dalla Pozza ha continuato spiegando che ad oggi, grazie alle diverse “pressioni” dell’amministrazione comunale agli enti preposti, si è giunti ad una soluzione/tamponamento della critica situazione in cui versava la medicina di gruppo del nostro paese. 

Dal 1 Dicembre 2021 ha infatti preso servizio la Dott.ssa Costanzo che, unitamente all’accordo che vede i medici aumentare il numero di pazienti in loro dotazione, ha permesso a moltissimi nostri concittadini di mantenere il sevizio di medicina di base all’interno del proprio comune.

Nel senso stretto di “aiuti” verso la cittadinanza Dalla Pozza non ha saputo rispondere in maniera chiara ed esaustiva.

Il Consigliere, nonchè ex assessore al sociale, Burò ha controbattuto portando esempi di altri comuni che si sono adoperati per sostenere concretamente i loro cittadini che versavano in simili problematiche. Ad esempio realtà contermini hanno organizzato un servizio di trasporto pubblico per gli anziani obbligati a fuoriuscire dal comune di residenza per le cure di base.

E’ giusto poi sottolineare che alla nostra domanda riguardante le tempistiche di esposizione della problematica ai “piani alti” (e quindi all’Ulss e all’ente Regione), il Sindaco Dalla Pozza ha dichiarato di essere intevenuto con alcune lettere scritte solo ai primi giorni del mese di Novembre 2021. (Quasi contemporaneamente alla protocollazione delle due interrogazioni.)

Un ritardo a nostro dire vergognoso ed ingiustificabile, poichè il problema della cessazione di due medici dal servizio era già noto dalla scorsa estate.

Il merito quindi di aver salvato la Medicina di gruppo Integrata è esclusivamente dei medici stessi, i quali, prima di qualsiasi intervento del Sindaco o raccolta firme, si sono fatti parte attiva per trovare, e far confermare, una collega interessata alla posizione di Altavilla.

Conclusa la discussione delle due interrogazioni si prosegue ai successivi punti all’ODG: ratifica di alcune variazione di bilancio, al bilancio di previsione 2021/2023 e variazione del programma triennale dei lavori pubblici.

Appena prima dell’illustrazione dei sopracitati punti il Consigliere Claudio Catagini, collegato da remoto, abbandona la seduta per un malessere improvviso ed ingestibile.

A seguito della mancanza di un membro della maggioranza l’opposizione ha abbandonato l’aula determinando, di fatto, la sospensione del Consiglio Comunale per mancanza del numero legale dei presenti.

A distanza di 20 minuti dalla chiusura dell’adunanza si scopre che il l’ex Sindaco Catagini ha ripreso il collegamento e, con la sua presenza, ha permesso il proseguimento e la trattazione dei successivi punti all’ODG (compresi quelli inerenti all’immobile da demolire di Via Marconi per l’ampliamento di  parcheggio).

MA NON E’ FINITA QUI…

A Consiglio concluso, dopo cena, alcuni nostri Consiglieri si sono recati in un vicino pub per un momento conviviale….e….. indovinate un po’ chi c’era? 

Un malaticcio ex Sindaco, che in compagnia di un amico, si beveva una bella birra.

Condividi questo Articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Altri Articoli

Comunicazioni/News

Per salvare la maggioranza? Si vota dal ristorante

“Una maggioranza talmente risicata che il vicesidaco deve votare dal ristorante” È successo davvero. Il vicesindaco Grignolo partecipa alle votazioni del Consiglio Comunale in diretta